BOB DWYER PROTAGONISTA DI UNA RUBRICA DI APPROFONDIMENTO TECNICO SU RUGBY!

Bob DwyerLa nascita dell’edizione italiana del “definitive rugby coaching website” non è passato certo inosservato tra gli addetti ai lavori, ecco quindi che a Bob Dwyer è stato chiesto di mettere tutte le sue incredibili competenze rugbistiche anche a disposizione di tutti gli appassionati, attraverso una serie di articoli di approfondimento pubblicati dal mensile Rugby! Magazine durante tutto il 2010.

Il primo appuntamento è stato con il numero di gennaio della rivista, organo ufficiale della Federazione Italiana Rugby, in cui il tecnico campione del Mondo con l’Australia nel 1999 ha voluto approfondire una questione tecnica di quelle che più fanno discutere anche a livello internazionale: l’interpretazione arbitrale della mischia. In particolare Bob è tornato sui minuti finali di Italia – All Blacks dello scorso novembre, evento che ha riempito San Siro e che ha visto gli Azzurri schiacciare il pack neozelandese, salvo dover fare poi i conti con le “deliranti” valutazioni di Paddy O’Brien circa la presunta illegalità della mischia italiana.

Per approfondire la questione e dare un’analisi finalmente completa Bob ha così interpellato un guru come Andrew Blades, pilone destro proprio nel trionfo australiano in Galles nel ’99, ma soprattutto riconosciuto professore dell’arte oscura della mischia ordinata. Ex head coach dei Newcastle Falcons di Jonny Wilkinson (proprio nel 2002/03) e successivamente responsabile degli avanti dei Wallabies (tuttora alla ricerca di quegli standard raggiunti sotto la sua direzione), Blades ha così risposto all’interrogativo chiave: «Chi è il vero colpevole nelle mischie ordinate crollate?».

Interessanti le conclusioni: sembra infatti che le regole vengano applicate in base a come gioca una squadra in una certa partita, invece di interprBOB DWYER RUGBY WORKSHOPetare ciò che accade. Spesso vedi regole sulle mischie o sulle situazioni di placcaggio applicate più severamente alle squadre meno favorite o alle squadre in trasferta.

Nel numero di febbraio, tuttora in edicola, Bob Dwyer si è invece interessato ad un altro tema chiave del rugby moderno: l’utilizzo efficace dei giocatori della panchina. Rifacendosi anche ad alcuni articoli di psicologia dello sport disponibili sul suo sito web, Bob ha voluto analizzare le ragioni per cui certe squadre risultino rafforzate dall’utilizzo dei cambi, mentre altre riescano addirittura ad indebolirsi, finendo col minare lo stesso morale dei giocatori.

Visto il peso dei file, gli articoli sono disponibili su richiesta, benché l’invito sia quello di acquistare direttamente le pubblicazioni. Per maggiori informazioni su Bob Dwyer e le sue attività di supporto agli allenatori consigliamo invece di visitare il sito web: www.bobdwyerrugby.com/italian (the definitive rugby coaching website)!

P.R. on sabtwitterP.R. on sablinkedinP.R. on sabfacebookP.R. on sabemail
P.R.
La passione per il rugby ha portato 10 anni fa all’ideazione di un portale Internet interattivo che potesse affermarsi come punto d’incontro privilegiato tra società di rugby, sponsor e giocatori. Nacque così www.piazzarugby.it, la piazza virtuale del rugby business in Italia. Fondatore e titolare di PiazzaRugby è Marco Martello, mandatario FIR abilitato a trattare e gestire i rapporti con società affiliate alla FIR ed all’IRB in nome e per conto di giocatori e tecnici. Con lui collaborano legali, esperti di comunicazione, tecnici e professionisti di comprovata esperienza.