CRITERI DI UTILIZZAZIONE DEI GIOCATORI DI FORMAZIONE NON ITALIANA

Daniel Faasen con la maglia dei Blue Bulls

Prendiamo spunto dalla decisione del Giudice Sportivo, che in occasione della prima giornata di campionato ha stabilito:

Partita persa a L’Aquila RC con il risultato acquisito sul campo (47-7, 5-0), quattro punti di penalità e 100€ di sanzione pecuniaria per L’Aquila Rugby Club per aver schierato quattro giocatori di formazione non italiana, nessuno dei quali in possesso dei requisiti previsti dalla normativa federale di cui al punto 1 lett. C di pag 103 della Circolare Informativa 2015/2016.

Il regolamento impone un massimo di quattro giocatori non di formazione, a patto però che almeno uno di questi sia Under 24, piuttosto che abbia militato in Italia con continuità negli ultimi 24 mesi, condizione questa che lo renderebbe eleggibile per vestire la maglia di una celtica (i casi Steyn e Vunisa parlano chiaro…), mentre i mesi devono salire a 36 per poter vestire la maglia di una Nazionale, in qualità di equiparato.

Ecco la norma nel dettaglio:

C) CRITERI DI UTILIZZAZIONE DEI GIOCATORI DI FORMAZIONE NON ITALIANA
Le società di serie Eccellenza sono tenute ad inserire nella lista di ciascuna gara disputata un massimo di 4 giocatori di formazione non italiana di cui 1 soddisfi le condizioni sotto riportate, pena l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 29 del Regolamento di Giustizia.
Dei quattro giocatori di formazione non italiana schierati in ciascuna gara almeno uno deve soddisfare una delle seguenti condizioni:
a) essere nato nell’anno 1991 o successivi;
b) aver giocato in via continuativa in Italia per le due stagioni sportive precedenti. Per continuità si intende che il giocatore nelle due stagioni sportive non abbia giocato in campionati di altre federazioni.

Per quanto discutibile, si tratta chiaramente di voler spingere i club a reclutare giocatori che in prospettiva possano dare un contributo diretto alla Nazionale e, prima, alle due franchigie impegnate in Pro12. Con questo stesso spirito la Federazione un anno fa aveva dato mandato ad alcuni dirigenti di ricercare giovani talenti nelle isole del pacifico…

Un regolamento questo che è stato chiaramente violato dal club abruzzese, reo di aver dato per scontato che il mediano di mischia Daniel Faasen avesse giocato unicamente per il Badia Rugby nelle due stagioni precedenti, risalente al 2013 infatti il primo tesseramento del talento sudafricano per il club polesano.

Nel caso specifico purtroppo la continuità dei 24 mesi in Italia, però, on c’è stata:  Faasen ha giocato infatti la Vodacom Cup 2014 (ergo stagione 2013/14) con gli Eagles, come da immagini… A giugno 2014 poi ha giocato anche la Currie Cup, stando alle statistiche riportate da un noto portale straniero http://www.itsrugby.co.uk/player-18942.html… quello che è uno dei numeri 9 stranieri più forti del campionato, per questa volta ha finito col penalizzare il proprio club. La colpa certamente sua non è, ma basta veramente poco a rendere un campionato ancor più complicato.

 

P.R. on sabtwitterP.R. on sablinkedinP.R. on sabfacebookP.R. on sabemail
P.R.
La passione per il rugby ha portato 10 anni fa all’ideazione di un portale Internet interattivo che potesse affermarsi come punto d’incontro privilegiato tra società di rugby, sponsor e giocatori. Nacque così www.piazzarugby.it, la piazza virtuale del rugby business in Italia. Fondatore e titolare di PiazzaRugby è Marco Martello, mandatario FIR abilitato a trattare e gestire i rapporti con società affiliate alla FIR ed all’IRB in nome e per conto di giocatori e tecnici. Con lui collaborano legali, esperti di comunicazione, tecnici e professionisti di comprovata esperienza.